Regio IX Circus Flaminius Ara Pacis Pannello della Dea Roma 

E’ quasi completamente perduto: esso rappresentava la Dea Roma, ovvio parallelo della Pace. L'Ara esprime infatti le principali linee politiche perseguite da un Augusto ormai cinquantenne, giunto al culmine del suo potere personale e del suo carisma. Innanzitutto la volontà di portare avanti l'intrapresa riforma dei costumi religiosi e civili dei suoi concittadini. In questo senso dobbiamo leggere i quattro pannelli sui lati aperti del recinto, immagini devozionali codificate che narrano i miti di fondazione (Enea nel Lazio che sacrifica ai Penati; il ritrovamento di Romolo e Remo alla presenza del padre Marte) e la missione universale di Roma (Venere genitrix o Tellus con i suoi doni; la dea Roma seduta sulle spoglie dei vinti).