Palazzi di Roma Palazzo Massimo Museo Nazionale Romano Primo Piano La Fanciulla di Anzio

La statua detta “Fanciulla di Anzio” fu rinvenuta nella Villa imperiale di Anzio, in una nicchia del criptoportico presso l'Arco Muto nel 1878. Nella statua sono usati due marmi diversi, pario per la spalla nuda e pentelico per i vestiti: la tecnica serviva a ottenere un tenue effetto policromo. La statua si propone di riconoscere una fanciulla partecipe di un rituale dionisiaco all'aperto, colta mentre volge l'attenzione verso un vassoio per le offerte poggiato sul braccio. La scultura, di finissima esecuzione, è stata realizzata da una bottega di età ellenistica, di scuola microasiatica, probabilmente come dedica a Dioniso in un santuario. L'opera è stata riutilizzata nell'arredo della villa imperiale a scopo decorativo. Metà circa del III sec. a.C.