Villa d'Este Tivoli Fontane di Roma 

Ideatore e costruttore di Villa d'Este fu Ippolito II d'Este cardinale di Ferrara, figlio della famosa Lucrezia Borgia e di Alfonso d'Este. Nel Conclave di Giulio III (1549-1550) Ippolito II fu eletto Governatore di Tivoli. Egli fece costruire una villa che fosse la gemella del grandioso palazzo che contemporaneamente stava realizzando nel centro di Roma. Come questo doveva servire a dare ricevimenti per suscitare e rinsaldare le preziose amicizie urbane, così la residenza di Tivoli avrebbe dovuto offrire un piacevole asilo agreste che permettesse più lunghi e più meditati colloqui d'intesa, in un luogo appartato. Ippolito II dopo essere stato espulso dallo Stato della Chiesa dal Pontefice Paolo IV, a seguito di una condanna per simonia, perì nel 1572, assistito soltanto da pochi servi.