Rione Regola Fontane di Roma  Fontana del Mascherone Via Giulia

 La fontana, caratterizzata  da una grossa maschera marmorea secentesca, che in prossimità di Ponte Sisto, è addossata ad un muro di mattoni,  costruito nel 800, che ne modifica notevolmente l'originaria collocazione, infatti da una incisione del 1699 risulta isolata e a se' stante. Il mascherone è sormontato del giglio araldico dei Farnese, originariamente in travertino, sostituito nell'800 con uno in ferro oggi quasi completamente consumato. Il mascherone versa l'acqua in un sottostante  piccolo catino semicircolare dal quale si raccoglie poi in una grande vasca di granito bigio di forma rettangolare e quindi nel bacino di raccolta a fior di terra protetto da due colonnine collegati con barre di ferro. In determinate feste dei Farnese, dalla bocca del Mascherone usciva vino anziché acqua. E vino gettò  per tre  giorni consecutivi,  nel 1720, in onore del nobile Marco Antonio Zondadari nominato Gran Maestro dell'Ordine di Malta.